Instagram Facebook Linkedin
confapiemilia

Confapi Emilia

articolo modenatoday: Oltre il Business Conosciuto, il secondo incontro dell’iniziativa di Confapi Emilia Eventi a Modena

 

‘Circolo Colombo – Oltre le colonne d’Ercole’ torna con un secondo appuntamento mercoledì 24 marzo alle ore 18 in live streaming sul canale Youtube di Confapi Emilia.

Il progetto che coinvolge manager e imprenditori, pensato da Confapi Emilia e dal suo Gruppo Giovani Imprenditori e realizzato in collaborazione con CFE ed E:LAB, azienda associata – punterà questa volta sull’esplorazione di realtà aziendali che sono state in grado di andare ‘Oltre il business conosciuto’, compiendo un cambio di paradigma tra passato e futuro e dotandosi di nuove competenze per affrontare il lavoro del domani.

A raccontare la propria ‘storia di impresa’ saranno Antonio Squeo, Chief Innovation Officer di Hevolus Innovation, e Andrea Cucchiara e Alberto Gozzi soci di SPIN Srl, azienda con sede a Campogalliano. Moderati da Giuseppe Leoni, fondatore di E:LAB, i relatori racconteranno come, nel primo caso, un negozio di ferramenta sia potuto diventare una realtà dove si sviluppano nuove esperienze di acquisto con le tecnologie dell’augmented reality e quali siano, nel secondo caso, le motivazioni che spingono una PMI come SPIN a ricercare nuove tecnologie e nuove competenze da poter integrare all’interno della propria struttura.

“Sarà un secondo appuntamento molto interessante – ha commentato Stefano Bianchi, Direttore di Confapi Emilia – la forte adesione ricevuta dal primo incontro ci ha spinto ad investire altrettante energie sul secondo, a testimonianza del fatto che gli eventi formativi sono sempre molto apprezzati dalle nostre PMI. Creare occasioni di crescita è da sempre uno dei valori e obiettivi fondanti dell’Associazione e grazie a Circolo Colombo siamo riusciti a cogliere nel segno”.

“Il secondo incontro di Circolo Colombo – ha commentato Giuseppe Leoni, fondatore di E:LAB -vuole essere un’occasione per approfondire percorsi imprenditoriali che vengono definiti di “ambidexterity” – cioè la capacità di essere ambidestri – sapendo consolidare il modello d’impresa esistente mentre se ne sperimentano altri nuovi e promettenti. Il mantenersi costantemente aggiornati, curiosi, guardando a nuove tecnologie e nuove competenze, è una caratteristica di questa tipologia d’impresa, insieme alla capacità di continuare a scrutare gli orizzonti del mercato per cogliere nuove opportunità anche al di fuori della propria zona di comfort, Oltre il business conosciuto”.

Articolo Modena Today